Un albero per ogni nato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Abbiamo chiesto al nostro sindaco se è stato rispettata la disposizione di un albero per ogni nato e se esistono alberi monumentali sul proprio territorio e se si, la loro collocazione.

Qui di seguito riportiamo l’interrogazione protocollata.

 

Nella legge richiamata in oggetto e specificatamente all’Art. 2 comma 1 si prevede “L’obbligo per il comune di residenza, di porre a dimora un albero per ogni neonato o ciascun minore adottato con popolazione superiore ai 15 mila abitanti” entro 6 mesi.

Al comma 2 “Entro al termine di cui al comma 1, l’ufficio anagrafico comunale fornisce informazioni dettagliate circa la tipologia dell’albero e il luogo dove l’albero è stato piantumato alla persona che ha richiesto l’iscrizione anagrafica”

All’Art. 3 bis comma 1 sempre della sopra richiamata legge, si prevede che “Entro un anno della data di entrata in vigore della presente disposizione, ciascun comune provveda a censire e classificare gli alberi piantati, nell’ambito del rispettivo territorio, di proprietà pubblica.

All’Art. 3 bis comma 2 “Due mesi prima della scadenza naturale del mandato, il Sindaco rende noto il bilancio arboreo del comune, indicando il rapporto fra il numero degli alberi piantati in aree urbane di proprietà pubblica rispettivamente al principio e al termine del mandato stesso, dando conto dello stato di consistenza e manutenzione delle aree verdi urbane di propria competenza.

All’Art. 7 Salvaguardia alberi monumentali comma a) si intendono “albero ad alto fusto isolato o facente parte di formazioni boschive naturali o artificiali, che possono esseri considerati come rari esempi di maestosità e longevità, per età e dimensioni, per rarità botanica, ovvero che recano un preciso riferimento ad eventi o memorie storiche, culturale o delle tradizioni locali.

b) filari e le alberate di particolare pregio paesaggistico

c) gli alberi ad alto fusto inseriti in particolari complessi architettonici quali ad esempio ville, monasteri, chiese, orti botanici e residenze private.

In base agli articoli e commi richiamati della Legge 10/2013

Interroghiamo Sindaco e assessore competente per conoscere

Se per l’Art. 2 comma 1 è stato rispettato la disposizione di un albero per ogni nato.

Se per l’Art 2 comma 2, la persona che ha richiesto l’iscrizione anagrafica ha ricevuto informazioni dettagliate sulla tipologia dell’albero e del luogo della sua piantumazione.

Se per Art. 3 bis comma 1 il comune ha censito e classificato gli alberi piantati sul suo territorio.

Se per l’Art. 3 bis comma 2 è stato reso noto il bilancio arboreo del comune, rispettando i tempi previsti da tale comma.

Se per l’Art. 7 esistono alberi monumentali sul proprio territorio come previsto dai commi a) b) e c) se si, la loro collocazione. La consigliera comunale Silvia Baldina