La strada Vigevano/Magenta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Il MIT “Ministero delle Infrastrutture e Trasporti”: l’opera allo stato attuale delle cose non va avanti, deve essere ri-progettata.

 

Oggi 8 luglio 2020 nella conferenza stampa tenutesi nel Comune di Albairate i Sindaci di Albairate e Cassinetta di Lugagnano si sono espressi sfavorevolmente sul progetto elaborato da Anas dichiarando che a breve manderanno le loro osservazioni negative.

I consiglieri regionali Massimo De Rosa e Simone Verni riferiscono di una svolta importante da parte del Ministero competente, il quale ha preso una decisione chiara:

“Così come è attualmente questa infrastruttura non va avanti, deve essere rivista e ri-progettata.”

Sarà lo stesso ministero a dettare nuove linee guida per riprogettare la strada.

 

Sarà istituito un tavolo di lavoro con tutti gli attori interessati al progetto, forze politiche e non che vorranno partecipare, se possibile prima delle vacanze estive.

Dopo tanti anni si giunge finalmente ad un chiarimento su questa infrastruttura che da molti anni ha interessato la città di Vigevano e la sua politica. La sconfitta della Lega Vigevanese e del suo Sindaco Andrea Sala, che si è battuta per un progetto obsoleto, privato dal vero scopo di dare ai nostri cittadini una maggiore fruibilità e velocità per raggiungere Milano e, che è servito solo per una sterile e menzognera propaganda politica, esce di scena.

 

Ora si prospetta un lavoro di ri-progettazione condiviso da tutti i territori interessati all’opera, anche Vigevano sarà chiamata a dare un suo parere, nella speranza che la nuova giunta che sarà eletta nel prossimo settembre, sia più lungimirante e aperta a soluzioni condivise con tutti.

Il Movimento 5 Stelle di Vigevano rimane sempre più convinto che la soluzione migliore sia quella del collegamento ferroviario.

Lo studio di fattibilità per il raddoppio dei binari da Albairate Abbiategrasso è già partito; più difficile il raddoppio fino a Mortara anche per le nuove normative di sicurezza che ostacolano una sua fattibilità, ma possibile.

Comunque, il Ministero dei Trasporti è stato già attenzionato e sta elaborando le varie soluzioni.

VIDEO INTEGRALE