Esprimiamo la nostra solidarietà ai dipendenti comunali e ribadiamo la nostra fiducia nel lavoro delle forze dell’ordine e degli organi inquirenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

In merito all’ennesima “visita” della Guardia di Finanza in Comune, Vigevano 5 Stelle vuole fare un passo avanti rispetto alle analisi che alcuni consiglieri comunali hanno fatto nelle ultime ore. Abbiamo appreso, come tutti, che lo scorso 25 maggio 2016 la Guardia di Finanza avrebbe provveduto al sequestro di materiali da alcuni uffici del Municipio, notificando avvisi di garanzia a quattro dipendenti comunali.

Oggetto dell’indagine sarebbe l’affidamento della polizza antincendio del Comune, avvenuto tra agosto 2015 e dicembre 2020, alla UnipolSai.

L’assegnazione di tale polizza è stata poi sospesa in autotutela da Pietro di Troia, lo stesso dirigente comunale che aveva firmato l’assegnazione definitiva, sospensione che di fatto ha avviato le indagini. Cosa è successo dunque nel tempo trascorso tra l’assegnazione dell’incarico alla UnipolSai (per il quale sarebbero stati versati dal Comune 47.000 euro) e il ricorso in autotutela?

Si saprà solo a indagini concluse, ma la visita della GdF in Comune è solo l’ultima di una lunga serie: prima nel novembre 2015, poi nel febbraio 2016 per notificare un avviso di garanzia a Sindaco, Vicesindaco, un assessore e un dirigente, e ancora nel gennaio 2016 per indagini su lavori eseguiti presso la struttura sanitaria del De Rodolfi, lavori commissionati dall’Amministrazione comunale.

In questo clima, Vigevano 5 Stelle ribadisce la propria totale fiducia nelle forze dell’ordine e agli organi inquirenti e soprattutto esprime la propria solidarietà ai dipendenti comunali che vivono ormai in una situazione di totale tensione e ansia anche a causa delle continue visite della Guardia di Finanza.

Non possiamo dire nulla, ovviamente, riguardo alle indagini e siamo del parere che chi ha sbagliato debba pagare: tuttavia, non possiamo non rimarcare che la politica dovrebbe fare la sua parte e che l’Amministrazione dovrebbe riferire con puntualità, e non perché sollecitata dalla stampa o dalla minoranza consiliare, su queste ripetute situazioni che non solo offrono una cattiva immagine della nostra città ma impediscono ai dipendenti comunali di operare serenamente e garantire ai cittadini servizi adeguati.

Che si tratti di un episodio isolato legato a chissà quale errore, oppure la logica conseguenza della pressione psicologica subita per tale situazione di instabilità, non possiamo ancora dirlo. Possiamo però sottolineare e fare notare come negli anni dell’amministrazione Sala il Comune, la casa di tutti i cittadini vigevanesi, sia diventata una succursale della Guardia di Finanza. Con tutte le ricadute del caso…

Vedi: “La Provincia pavese”, 25 maggio: http://laprovinciapavese.gelocal.it/pavia/cronaca/2016/05/25/news/vigevano-la-finanza-indaga-sulla-polizza-al-rialzo-del-comune-1.13538240

“La Provincia pavese”, 26 maggio: http://laprovinciapavese.gelocal.it/pavia/cronaca/2016/05/26/news/la-finanza-indaga-sulla-polizza-al-rialzo-1.13548016.