Pasticcio dell’Amministrazione Vigevanese : Dichiarazioni Isee Asili nido e Scuole dell’infanzia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

il Consigliere Luca Mazzola denuncia irregolarità nelle richieste di pagamento di alcune rette

Parliamo di asili e scuole dell’infanzia a Vigevano e della vicenda “dichiarazioni isee”.

In seguito a segnalazioni pervenute da parte di alcuni genitori fruitori dei servizi a domanda individuale del Comune di Vigevano, il Consigliere Luca Mazzola ha  riscontrato irregolarità delle richieste di pagamento delle rette mensili per i mesi di Febbraio e Marzo 2018.

La vicenda riguardava quelle famiglie che hanno presentato, rispettando le scadenze previste, le dichiarazioni ISEE, grazie alle quali viene stabilita la tariffa per il servizio.

La Giunta Comunale ha commesso un errore, recependo con Delibera di Giunta (in data 1 Marzo 2018) la nuova normativa Regionale ( che spostava i termini di presentazione delle Dichiarazioni Isee, prolungando la valenza dell’ultima presentata fino a fine anno scolastico ), ma senza definire con chiarezza come rapportarsi con chi aveva già depositato i nuovi documenti prima del 1 Marzo stesso.

Questo limbo normativo ha fatto si che gli uffici chiedessero, anche alle famiglie che avrebbero potuto pagare tariffe ridotte ( purtroppo a fronte di minori redditi familiari ), le stesse tariffe dei mesi precedenti.

Raccolti i dati e le segnalazioni il Movimento 5 stelle Vigevano ha depositato un’interrogazione sul tema all’Assessore Brunella Avalle, la quale in sede di Consiglio Comunale ha riconosciuto l’errore degli uffici e il limbo normativo creato, provvedendo a sanarlo.

Felici di aver svolto il nostro lavoro con impegno e dedizione, continueremo a monitorare la situazione degli Asili e delle scuole dell’infanzia. Una città come Vigevano deve dare importanza anche alle politiche per il sociale e per le famiglie.