Castello: valutazione costi-benefici

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Nel prossimo consiglio comunale discuteremo la mozione sulla governance e gli spazi del Castello di Vigevano.

Premesso che

il 23 Luglio 2018 si è tenuto a Vigevano nella “Sala dell’affresco” del Castello un convegno denominato “La strada infinita Castello di Vigevano” con la partecipazione fra gli altri del Ministro del Turismo e delle politiche agricole Gianmarco Centinaio e del Sindaco di Vigevano Andrea Sala, dando di conseguenza a questo convegno organizzato da Confindustria di Pavia un aspetto di ufficialità.

Che, aprendo il convegno il sindaco Sala, portando il saluto della città, spiegava fra l’altro che Vigevano chiederà al demanio, proprietario del complesso del castello, il passaggio di proprietà dello stesso al comune di Vigevano.

Che, la dottoressa Brustia vicepresidente di confindustria Pavia indicava la creazione di una fondazione la migliore via di governance per il bene culturale in questione e che era già pronta una bozza di statuto che prevede un consiglio di amministrazione formato da 5 o 7 membri di cui 2 o 3 membri di nomina comunale lasciando la maggioranza in mani private

Che, uno studio presentato dalla dottoressa Zucchella denominato “Proposta per un modello di gestione sostenibile, realizzabile e smart per il castello di Vigevano” vengono previste attività quali start up, caffè, ristoranti, hotel o meglio ancora “relais de charme”, e non meglio definite reti imprenditoriali, portando vari esempi di ex fabbricati industriali recuperati di vario tipo e non beni storici architettonici

Che, anche il ministro Centinaio chiudendo il convegno ha ripreso un discorso ludico commerciale per il castello parlando di hotel di lusso e di altre attività commerciali.

Si impegna, il Sindaco e la Giunta

A soprassedere per il momento a richiedere la presa in carico dal demanio del manufatto del Castello, prima di aver valutato attentamente costi e benefici che ne deriverebbero, pensando alle altissime spese di manutenzione che peserebbero sulle finanze comunali e di conseguenza sulle tasche dei cittadini vigevanesi.

Che in una eventuale Fondazione per la gestione del Castello di Vigevano la maggioranza del consiglio di amministrazione rimanga alla amministrazione comunale

Che, non vengano prese iniziative che snaturino il complesso storico del castello con opere e attività contrarie alle sue funzioni.

M5S Vigevano